Home Banche Barclays Bank Ufficio Reclami

Barclays Bank Ufficio Reclami

Per inoltrare un reclamo a Barclays Bank e’ possibile utilizzare diversi canali, vediamo quali:

e si puo’ inviare un’ email all’ indirizzo reclami@barclays.it ,  un fax al n. 0254153222 o in alternativa una richiesta scritta all’ indirizzo Barclays Bank PLC- Ufficio Reclami, Viale Forlanini, 23 cap. 20134.

Un ulteriore alternativa e’ quella di compilare il modulo presente sul sito ufficiale in ogni sua parte, riportando la tipologia del reclamo, i dati anagrafci, numero di telefono (fisso e mobile), indirizzo email e numero del contratto sottoscritto con la Banca, nonche’ la descrizione dettagliata del problema/reclamo.

L’ Ufficio competente provvedera’ a fornire risposta scritta alla richiesta entro il termine di 30 giorni.

Per assistenza ulteriore ci si puo’ rivolgere al numero verde: 800205205.

Articoli simili
1 4213

5 commenti questo articolo
  1. con la presente vi informo di aver gia mandato un e-mail il 12-01-013 facendovi presente il problema riguardante l’assicurazione con in allegato la documentazione che dimostra l’inadempienza della stessa,chiedo cortesemente di essere contattato per
    maggiori informazoni in merito . distinti saluti Mura Bruno.

  2. A seguito telefonata odierna, con un Vs. addetto, mi è stata garantita l’assistenza gratuita di un legale per riconoscere i miei diritti circa l’inadempienza da parte dell’assicurazione sia per quanto riguarda le scadenze e sia per l’applicazione degli interessi passivi. In attesa di una vs. gentile conferma, porgo distinti saluti.
    Mura Bruno

  3. Dopo aver estinto la carta (con tutta la dcumentazioñe ricevuta fatta di un bonifico dove dice estinzione della carta piu invio ritaglio a meta della carta) .dopo alcuni anni mi arriva una carta di una societa di recupero crediti che mi chiedevano il rimborso della carta pioche risultava non pagata, incazzatissimo ho inviato via fax le ricevute bancarie dove si evince l ‘estinzione fatta della carta stessa versando sul conto barclays tutto il dovuto. Da questo recupero crediti dopo aver inviato tutto cio in mio possesso non sono stato piu ne chiamato ne tantomeno informato. Vorrei sapere la mia posizione con barclays come .. sono indigniato e truffato.

  4. salve sono una cliente. . dalla data 29-09-2008 di una macchina c3.. non ricevo da voi un tabulato dei miei pagamenti non capisco,esigo urgentemente di avere in carta tutti i miei pagamenti..

  5. Vorrei esporre l’oneroso epilogo del rapporto con l’Unicredit di Gassino, giusto per dimostrare quanto sia radicata la vocazione di “sciacallo” che hanno le banche e l’assoluta miopia nelle politiche verso i clienti.
    Mio padre ed io avevamo un conto cointestato. Al seguito del decesso di mio padre avvenuto all’Ospedale di Chivasso il 17 gennaio 2013, dopo una degenza di quasi tre settimane, mio fratello ed io ci siamo recati in banca dove ho provveduto a chiudere il conto, ovviamente bloccato. Tuttavia, mio padre aveva stipulato a favore di mio fratello una assicurazione sulla vita e per beneficiare del premio, vuoi per lo stillicidio di documentazione richiesta (la banca ha telefonato a mio fratello richiedendo addirittura una certificazione “sulle cause delle morte”, la banca era tenuta a chiederlo, visto che la compagnia non l’ha sollecitato per conoscenza?). Mio fratello ha ottenuto questa documentazione, per fortuna senza far riesumare mio padre. Quindi, finalmente i primi di aprile ha ottenuto il premio, ovviamente senza interessi maturati. Se INVECE il prestito l’avesse chiesto lui, avrebbe pagato un tasso medio del 10%. Il 13-03- 13 mi sono state addebitate commissioni – provvigioni –spese per un totale di 120.00 euro. Ultimate le pratiche di successione il 4 luglio mi sono presentata per ritirare i 6.168 euro spettanti per la parte di mio padre. Mi hanno detto che dovevano consultare un legale perché la situazione, a fronte di un testamento pubblicato e registrato dal notaio, non era cristallina. Alle mie rimostranze perché il legale lo avevano già consultato per l’assicurazione, il direttore si è impegnato a non fare passare 15-20 giorni. Infatti il 10 luglio 2013 ho potuto chiudere il conto, tuttavia dal 31.03.2013 al 10.07.2013 le spese sono di nuovo ingrossate di oltre 40 euro, mi hanno addebitato addirittura 4.40 del mese di luglio. COMPLIMENTI!

Inserisci un commento