Home Banche Assegno bancario, cos’è e cosa c’è da sapere

Assegno bancario, cos’è e cosa c’è da sapere

L’assegno è una forma di pagamento che consente ai titolari di un conto corrente di versare del denaro a se stessi o verso altri conti. Cerchiamo di capire meglio cos’è e cosa c’è da sapere.

Per poterne usufruire è necessario che la banca di appartenenza abbia consegnato al proprio cliente il carnet o libretto di assegni, che contiene una serie di foglietti, che rappresentano l’assegno cartaceo vero e proprio.

Questi foglietti sono composti da una serie di voci prestampate e alcuni spazi vuoti, che dovranno essere compilati dal titolare del carnet.

Tra i principali dati prestampati troviamo il nome e l’indirizzo della banca che ha rilasciato il libretto e le coordinate bancarie.

I dati che invece dovranno essere compilati a mano dal titolare del conto, sono:

  •   Data e luogo di emissione
  •   Importo del pagamento in cifre, con uno spazio apposito per i centesimi
  •   Importo del pagamento in lettere, come unica parola in carattere corsivo
  •   Nome e cognome della persona che riceverà il pagamento
  •   Firma del titolare

Uno spazio apposito è invece previsto per la clausola “non trasferibile”. Quando si compila un assegno, si può stabilire se è nostra intenzione che questo assegno possa circolare, cioè essere deviato verso terzi, oppure se sia diretto esclusivamente alla persona nominata nello spazio apposito.

Per fare in modo che l’assegno non diventi circolare, è sufficiente compilare la clausola “non trasferibile”, e potrà essere ritirato solo dal beneficiario.

Al contrario, se si desidera che l’assegno possa circolare, si dovranno utilizzare carnet appositi, qualora il proprio non lo consenta, indicanti la trasferibilità dell’assegno. In questi casi si parla di “girata”: il beneficiario può trasferire la somma di denaro ad un’altra persona, il cui nome verrà scritto sul retro dell’assegno, insieme alla dicitura “per me pagate Tizio. Firmato Caio”.

Ricordiamo , infine, che non è legale emettere assegni “postdatati”, che indichino cioè una data di emissione diversa da quella in cui sono stati consegnati.

Inserisci un commento