Home Banche Assegni Bancari Antiriciclaggio

Assegni Bancari Antiriciclaggio

Le nuove norme antiriciclaggio fissano per gli assegni bancari e postali, assegni circolari, e vaglia (postali e cambiari) la clausola di non trasferibilità. È altresì vietato anche il trasferimento a qualsiasi titolo del denaro contante, dei libretti di deposito bancari e postali. Il trasferimento è consentito solo attraverso le banche, istituti di moneta elettronica e con la società Poste Italiane.

Il decreto legge numero 138 del 13 agosto del 2011 apporta quindi delle modifiche importanti alle disposizione circa l’utilizzo di denaro contante, dei titoli bancari e postali.

In particolar modo quella che era la soglia dei 5000 euro è stata portata a 2500.

Inserisci un commento