Home Banche Assegni Bancari A Me Medesimo

Assegni Bancari A Me Medesimo

Il beneficiario di un assegno può anche essere colui che lo emette. In questo caso il traente scrive il proprio nome o cognome, oppure le diciture ‘a me stesso’, oppure ‘a me medesimo’, o ancora ‘m.m.’. Secondo il Decreto Legislativo n. 231 del 21 novembre del 2007 gli assegni bancari e postali possono essere girati soltanto a una banca o alle Poste Italiane, e quindi di conseguenza non possono essere incassati una seconda volta. In pratica possono essere considerati a tutti gli effetti degli assegni non trasferibili.

Gli assegni ‘a me medesimo’ delle Poste Italiane possono essere emessi per qualsiasi importo.

Inserisci un commento